Vitamina D

La vitamina D è una sostanza essenziale per il nostro organismo: fra i suoi compiti principali vi è quello di mantenere nella norma i livelli di fosforo e calcio, favorendo l’assorbimento di quest’ultimo e contribuendo in tal modo a mantenere le ossa forti. Il calcio assunto con la dieta viene assorbito a livello intestinale, passa nel sangue e raggiunge tutte le parti dell’organismo.

La vitamina D è importante per l’assorbimento del calcio: se presente in quantità ottimali infatti, può aumentarne l’assorbimento fino al 30%.

La principale sorgente naturale di vitamina D è costituita dalla produzione endgena del colecalciferolo (vit D3) a livello della pelle, partendo dal colesterolo, attraverso una reazione chimica che dipende dall’esposizione alla luce solare (in particolare dall’irradiazione UVB). Tuttavia, il colecalciferolo e l’ergocalciferolo possono essere anche assunti con la dieta e gli integratori, ma solo pochi alimenti possono essere considerati buone fonti di vitamina D (soprattutto pesce, fegato e tuorlo d’uovo; secondariamente, anche certi funghi).

Diamo un’occhiata più nel dettaglio:

  • Negli alimenti: troviamo questa sostanza in alcuni pesci (per esempio salmone, aringa e sgombro), burro, uova, fegato e alcuni tipi di formaggi grassi.
  • Dal sole: Se esposta ai raggi del sole la nostra pelle è stimolata a produrre naturalmente vitamina D. L’esposizione di mani, braccia, viso e gambe per 10-15 minuti al giorno è sufficiente a raggiungere il normale fabbisogno di questa vitamina: è importante però che l’esposizione al sole sia diretta, infatti i raggi UV vengono bloccati, ad esempio, da vetri e filtri solari.

(Negli anziani e durante la stagione invernale quando l’esposizione solare diminuisce la produzione di vitamina D è talvolta limitata e quindi probabilmente insufficiente a raggiungere i livelli raccomandati. In questi casi può essere necessaria una sua integrazione)

Sia la vitamina D introdotta con gli alimenti, sia quella prodotta nella pelle, sono biologicamente non attive e richiedono necessariamente l’intervento di un enzima proteico capace di idrossilarle convertendole nella forma biologicamente attiva. Ciò avviene nel fegato e nei reni. Poiché la vitamina D può essere sintetizzata in quantità adeguate dalla maggior parte dei mammiferi sufficientemente esposti alla luce solare, non andrebbe considerata un fattore dietetico essenziale – quindi non dovrebbe nemmeno essere considerata una vitamina. Ha piuttosto le caratteristiche di un pro-ormone, attivabile nell’ormone calcitriolo, che produce i suoi effetti interagendo con un recettore nucleare situato in più cellule di tessuti differenti.

Uno dei ruoli più importanti della vitamina D è il mantenimento dell’equilibrio del calcio scheletrico, promuovendo l’assorbimento del calcio nell’intestino, il riassorbimento osseo aumentando il numero di osteoclasti, mantenendo i livelli di calcio e fosfato per la formazione dell’osso e consentendo il corretto funzionamento dell’ormone paratiroideo per mantenere i livelli sierici del calcio. La carenza di vitamina D può determinare una minore densità minerale ossea e un aumento del rischio di riduzione della denstà ossea (osteoporosi) o frattura ossea, perché la mancanza di vitamina D altera il metabolismo minerale nell’organismo. Pertanto, la vitamina D risulta anche fondamentale per il rimodellamento osseo attraverso il suo ruolo di potente stimolatore del riassorbimento.

Il VDR regola anche la proliferazione e la differenziazione cellulare. La vitamina D interagisce anche con il sistema immunitario e le VDR sono espresse in diversi tipi di globuli bianchi, compresi i monociti e le cellule T e B attivate. In vitro, la vitamina D aumenta l’espressione del gene della tirosina idrossilasi nelle cellule midollari surrenali e influenza la sintesi di fattori neurotrofici, ossido nitrico sintasi e glutatione.

ASSORBIMENTO E FABBISOGNO DI VITAMNINA D

Il calciferolo viene assorbito a livello intestinale con le stesse modalità dei lipidi: entra quindi a far parte delle micelle (che si formano per combinazione dei sali biliari con i prodotti derivanti dall’idrolisi dei lipidi), è assorbito per diffusione passiva negli enterociti e successivamente incorporato nei chilomicroni e trasportato in circolo attraverso i vasi linfatici mesenterici. A differenza delle altre vitamine liposolubili il calciferolo non viene immagazzinato nel fegato. La quantità di calciferolo proveniente dagli alimenti è tuttavia molto bassa e la maggior parte di vitamina D viene sintetizzata a livello cutaneo per azione della luce ultravioletta.

In condizioni normali l’esposizione alla luce solare è sufficiente per soddisfare i bisogni di calciferolo dell’organismo. Tuttavia, soprattutto per sicurezza, in Italia si consigliano i seguenti livelli di assunzione:

lattantil 10÷25 µg

bambini 1÷3 anni 10 µg

bambini 4÷10 anni 0÷10 µg

ragazze e ragazzi 11÷17 anni 0÷15 µg

adulti 0÷10 µg

anziani 10 µg

gestante 10 µg; nutrice 10 µg.

Nota:

  • 1 UI = 0,025 µg di calciferolo
  • 1 µg di calciferolo = 40 UI di vitamina D.

CARENZA DI VITAMINA D

Una dieta carente di vitamina D in combinazione con un’esposizione solare inadeguata provoca osteomalacia nell’adulto e rachitismo nel bambino, che consistono nella rarefazione del tessuto osseo. Nel mondo occidentale, queste condizioni sono oggi molto rare. Tuttavia, per la popolazione anziana la carenza di vitamina D è diventata un problema mondiale e, nei paesi meno sviluppati, rimane comune nei bambini e negli adulti. Il basso contenuto di calcifediolo (25-idrossi-vitamina D) deriva soprattutto da una scarsa esposizione solare. La deficienza comporta una ridotta mineralizzazione ossea e danni allo scheletro che portano alle suddette malattie. Avere una carenza di vitamina D può ridurre l’assorbimento intestinale del calcio fino a captarne solo il 15%. Quando non è carente, un individuo assorbe solitamente tra il 60-80% del calcio alimentare.

SEGNI DI UNA CARENZA DI VITAMINA D

I segni precoci di carenza di calciferolo sono:

  • riduzione sierica di calcio e fosforo
  • iperparatiroidismo secodario e aumento della fosfatasi alcalina nel siero.

Segni più tardivi sono:

  • inadeguata mineralizzazione dello scheletro (rachitismo nei bambini, osteomalacia negli adulti)
  • debolezza muscolaredolori addominali.

Il rachitismo compare nei bambini tra i 4 e i 24 mesi di età e consiste fondamentalmente in una inadeguata mineralizzazione dell’osso in crescita, che comporta deformazioni dello scheletro.

Nei primi mesi di vita la sintomatologia riguarda essenzialmente il cranio con:

  • rammollimento nelle regioni occipitali, temporali e parietali
  • ritardo nella chiusura della fontanella anteriore (diventa patologico dopo il quindicesimo mese di vita)
  • rosario rachitico (tra il sesto e il dodicesimo mese) ipertrofia delle giunzioni condro-costali
  • ipertrofia delle cartilagini (nei bambini più grandi) con nodosità specialmente ai polsi e alle caviglia
  • incurvamento delle ossa lunghe degli arti inferiori e ginocchio valgo.

L’osteomalacia si manifesta negli adulti con:

  • debolezza muscolare
  • dolori a livello del tratto dorso-lombare della colonna vertebrale, della cintura pelvica e delle cosce
  • andatura insicura e fragilità ossea, specialmente della spina dorsale, spalle, costole e bacino
  • densità ossea estremamente bassa e presenza di pseudo-fratture, specialmente alla spina dorsale, femore ed omero (rilevabili all’esame radiografico)
  • aumentato rischio di fratture soprattutto al bacino e ai polsi.

(Per ogni eventuale dubbio è consigliabile rivolgersi al proprio medico di fiducia)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay in Touch

To follow the best weight loss journeys, success stories and inspirational interviews with the industry's top coaches and specialists. Start changing your life today!

Related Articles